La “Bellezza e Spiritualità della Majella” secondo Lucilla Candeloro

La mostra “Bellezza e Spiritualità della Majella” di Lucilla Candeloro ci accoglie nelle stanze dell’ex Clausura dell’Eremo|Abbazia di Santo Spirito con immagini silenziose, indizi di un mondo che si rivela lentamente. Le linee astratte e i giochi di colore hanno i profumi del sottobosco: luoghi da attraversare, da respirare, di cui conservare memoria. Lo sguardo si espande di fronte ai tratti consapevoli nelle opere che rappresentano la montagna, elemento naturale di elevazione per eccellenza, centro da cui partono tutte le energie della vita. 

Le immagini entrano in totale simbiosi con il paesaggio al di fuori della Clausura. Dalle opere lo sguardo inevitabilmente muove verso le finestre ad osservare l’immensa faggeta che circonda il monastero: le medesime cromie ci fanno sentire parte di un tutt’uno. Possiamo guardare le opere da fuori, ma allo stesso tempo sentirci parte di esse, è come averle addosso. 

La pittura di Lucilla Candeloro è sì astratta, ma ha memoria, conoscenza, consapevolezza del gesto. 

Venite dunque a trovarci all’Eremo|Abbazia di Santo Spirito a Majella, aperto tutti i giorni con orario continuato dalle ore 10 alle ore 19 (ultimo accesso 18.15) e con possibilità di scoprire il complesso monastico in modalità autonoma o con servizio guidato (10.45, 14.30, 16.30). Nel percorso della visita, salite nelle stanze della Clausura, nei pressi della Sacrestia, dove la mostra vi attende, aperta al pubblico fino al 12 settembre.