La “Bellezza e Spiritualità della Majella” secondo Lucilla Candeloro

La mostra “Bellezza e Spiritualità della Majella” di Lucilla Candeloro ci accoglie nelle stanze dell’ex Clausura dell’Eremo|Abbazia di Santo Spirito con immagini silenziose, indizi di un mondo che si rivela lentamente. Le linee astratte e i giochi di colore hanno i profumi del sottobosco: luoghi da attraversare, da respirare, di cui conservare memoria. Lo sguardo si espande di fronte ai tratti consapevoli nelle opere che rappresentano la montagna, elemento naturale di elevazione per eccellenza, centro da cui partono tutte le energie della vita. 

Le immagini entrano in totale simbiosi con il paesaggio al di fuori della Clausura. Dalle opere lo sguardo inevitabilmente muove verso le finestre ad osservare l’immensa faggeta che circonda il monastero: le medesime cromie ci fanno sentire parte di un tutt’uno. Possiamo guardare le opere da fuori, ma allo stesso tempo sentirci parte di esse, è come averle addosso. 

La pittura di Lucilla Candeloro è sì astratta, ma ha memoria, conoscenza, consapevolezza del gesto. 

Venite dunque a trovarci all’Eremo|Abbazia di Santo Spirito a Majella, aperto tutti i giorni con orario continuato dalle ore 10 alle ore 19 (ultimo accesso 18.15) e con possibilità di scoprire il complesso monastico in modalità autonoma o con servizio guidato (10.45, 14.30, 16.30). Nel percorso della visita, salite nelle stanze della Clausura, nei pressi della Sacrestia, dove la mostra vi attende, aperta al pubblico fino al 12 settembre.

Roccamorice in e-bike

Vieni ad esplorare la Majella a bordo delle due ruote. Sentieri e sterrate spettacolari non perdono mai di vista un paesaggio fatto di pareti rocciose, scorci panoramici, e fitti boschi da cui, non di rado, fanno capolino animali di taglia piccola o più grande, parte della meravigliosa e variegata fauna della Majella.

Insieme a Ripa Rossa e Majella Bike Adventure ogni lunedì sali sull’e-bike e percorri la strada che da Roccamorice conduce all’eremo di Santo Spirito a Majella, un luogo incantato, tanto dal punto di vista paesaggistico quanto storico, e che avrai l’occasione di visitare.

Tutti i mercoledì invece ti aspettiamo per andare alla scoperta dell’affascinante Miniera di Acquafredda, un sito ancora poco conosciuto di Roccamorice, teatro di una vicenda storica dal forte impatto. Al termine di questa seconda escursione lo staff di Dimore Montane ci accoglierà per degustare l’ “aperitivo del minatore” 

In e-bike nei luoghi di San Pietro Celestino

Clicca qui – Scopri le date – In e-bike nei luoghi di San Pietro Celestino

In e-bike alla miniera di Acquafredda e aperitivo del minatore

Clicca qui – Scopri le date – In e bike alle Miniere di Acquafredda e aperitivo del minatore

Centro d’Arte e Cultura “Alberto Di Giovanni”

RIAPRE IL CENTRO D’ARTE E CULTURA A ROCCAMORICE

Dopo il lungo periodo di chiusura e di lontananza dal pubblico dovuto all’esigenza di rispettare tutte le prescrizioni necessarie per arginare la diffusione del Sars-Cov-2, riapre il Centro d’Arte e Cultura “Alberto Di Giovanni” a Roccamorice. A partire da sabato 3 luglio il Centro nella Chiesa del Barone Zambra finalmente tornerà a essere visitabile.
In occasione dell’anno dedicato a Dante Alighieri, per la ricorrenza dei 700 anni dalla morte del Sommo Poeta, in data dell’8 agosto 2021 alle ore 18.00 verrà inaugurata la mostra “L’amor che move il sole e le altre stelle: Dante tra arte, musica e poesia” con opere di S. Dali, E. Benaglia, B. Cascella, G. D’ore’, R. Guttuso, L. Passeri, M. Pesce, A. Salvadori, A. Sassu, A. Sughi, B. Sgarlato

GLI ORARI DI APERTURA 2021

LUGLIO
Sabato: 16:30-18:00
Domenica: mattina 11:00-12:30, pomeriggio 16:30-18:00

AGOSTO
Martedì, Giovedì e Venerdì: 16:30-18:00
Sabato e Domenica: mattina 10:30-12:30, pomeriggio 16:30-18:30
inoltre, nei giorni 14, 15, 22, 23, 24, 25 agosto verrà osservato il seguente orario: mattina 10:30-12:30, pomeriggio 16:30-18:30, sera 20:00-21:30

Avviso Sospensione Visite Guidate – Eremo|Abbazia Santo Spirito a Majella

Vista la rapida progressione dei contagi da COVID-19, in via precauzionale, al fine di diminuire al massimo contatti interpersonali tra i visitatori, le attività di visita guidata espletate presso l’Eremo di Santo Spirito sono sospese a fare data da oggi.

Sarà possibile continuare a visitare il complesso abbaziale/eremitico solo nella forma della visita autonoma e nel rispetto massimo delle regole, nonché delle indicazioni degli operatori addetti alla fruizione e alla sorveglianza.

Perdonanza Celestiniana a Santo Spirito a Majella

Sabato 29 agosto riapre la perdonanza celestiniana presso l’eremo di santo spirito a Majella. La funzione viene celebrata ogni domenica fino al 4 ottobre e concede a tutti i fedeli che vi partecipano il perdono dei propri peccati. Una pratica, Istituita da Papa Benedetto XIV, che estendeva spirituali privilegi concessi da Celestino V grazie ad una bolla papale emessa durante il suo pontificato per elargire l’indulgenza plenaria ai fedeli che partecipavano alla Santa Messa nella Basilica di Collemaggio a L’Aquila il 28 e il 29 agosto.

Le celebrazioni quest’anno si terranno nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di anti-contagio da covid-2019.
I fedeli che desiderano assistere alla funzione, guidati dal personale dell’eremo, dovranno occupare i posti a partire dalle prime file fino ad arrivare alle sedie retrostanti, vicini alla porta di accesso. Al termine della celebrazione il flusso dovrà defluire dai posti retrostanti fino alle prime file.
Vi è l’obbligo di indossare la mascherina per tutto il tempo della Santa Messa.

Nasce il biglietto unico per visitare l’eremo di Santo Spirito e la Valle dell’Orfento

Ha un costo di 12 euro a persona ed è valido per soli adulti, in quanto per le due attività i bambini usufruiscono già di gratuità oppure di sconto sulle tariffe da listino. Ecco tutti i dettagli.

Tiriamo un cauto sospiro di sollievo. Il primo picco epidemico da Covid-19 è ormai superato, ma la percezione di insicurezza è ancora diffusa e una parte della collettività soffre l’ansia da contagio. In generale la tendenza dei più è di provare ad evitare strutture aggregative e luoghi che implicano prossimità fisica tra le persone. In questo contesto da post quarantena la montagna si sta rivelando “il rifugio” ideale. Le famiglie abruzzesi corrono nei weekend a respirare aria fresca in luoghi incantevoli e solitari dell’entroterra regionale. Sulla Majella occidentale le realtà di servizi turistici sono all’opera per accogliere e gestire al meglio i flussi provenienti dalle città.

L’eremo celestiniano di Santo Spirito, nel comune di Roccamorice, gestito dalla cooperativa Ripa Rossa, ha registrato a partire dalla riapertura a fine maggio, oltre duemila presenze. A Caramanico Terme, la realtà di Majambiente che da più di vent’anni si occupa di escursionismo e turismo sostenibile ha ripreso ad organizzare camminate attraverso i sentieri più spettacolari del parco nazionale tra affascinanti canyon, boschi di faggio, eremi e luoghi di culto.

Le due società hanno quindi pensato di unire le forze e realizzare un biglietto unico per permettere ai turisti di visitare, accompagnati dalle guide locali e ad un prezzo di favore, due fra i siti più ricercati nel settore nord occidentale della Majella: la Valle dell’Orfento a Caramanico Terme e L’eremo di Santo Spirito a Roccamorice. Il biglietto ha un costo di 12 euro a persona ed è valido per soli adulti, in quanto per le due attività i bambini usufruiscono già di gratuità oppure di sconto sulle tariffe da listino. Sarà possibile trovarlo in vendita presso l’eremo di Santo Spirito a Majella e il centro informazioni nel comune di Roccamorice; il centro visitatori della Valle dell’Orfento nel comune di Caramanico Terme e presso il centro informazioni del comune di San Valentino.

Per usufruire delle visite guidate è necessaria la prenotazione chiamando Ripa Rossa al numero 366/4249866, e su www.majambiente.it alla sezione “escursioni e attività”. Il ticket non dovrà essere necessariamente speso in un unico giorno, ma sarà valido a partire dal 13 luglio e fino al 31 agosto. Al momento del check in per la visita guidata il visitatore dovrà consegnare e vidimare il talloncino relativo al luogo che si appresta a visitare all’operatore di turno al front office oppure alla guida stessa.